Seleziona una pagina

Tea For The Tillerman, andava a rinforzare la promessa dell’album che aveva segnato il ritorno di Cat Stevens, Mona Bone Jakon, e lo affermò come uno dei grandi talenti d’America. L’album fu distribuito dalla Mobile Fidelity Records. Dopo che la sua carriera aveva subito un arresto alla fine degli anni ’60 quando l’artista aveva contratto al tubercolosi, Stevens tornò alla ribalta con un tempismo perfetto all’inizio del decennio successivo, proprio quando si andava formando il movimento del cantautori. La traccia che apre il disco, Where Do The Children Play?, esemplificava la nuova direzione presa dal cantante. Sembra un semplice brano pop, ma a un esame più approfondito rivela le preoccupazioni dell’ artista di fronte al prezzo che la società deve pagare per lo sviluppo della tecnologia. Wild World, la prima canzone di Stevens a entra nella Top 20 USA ( all’ undicesimo posto ) dava una forma nuova alla canzone di rottura, mentre Father And Son metteva l’autore nei panni di padre e figlio in una conversazione trans – generazionale. La produzione delicata e flessibile dell’ex Yardbird Paul Samwell – Smith diede ampio respiro alle canzoni di Stevens. Spirito del successo di Wild World, cinque mesi dopo l’uscita l’album raggiunse l’ottava posizione negli USA, restando in classifica per 79 settimane, mentre in Inghilterra segnò un più modesto ventesimo posto. I brani di questo disco sono stati ripresi da una serie di artisti molto diversi, da Mr Big ( Wild World ) ai Boyzone ( Father and Son).